Archivio tag: brexit

migliori indicatori trading

Sterlina, soft Brexit più vicina: meglio così?

Il percorso verso l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea negli ultimi giorni sembra essere diventato un po’ più accidentato e, forse, “migliore” per entrambe le parti: l’Alta Corte inglese ha infatti imposto al governo di ottenere un mandato parlamentare per il negoziato. Non certo uno stop definitivo al processo della Brexit (anzi), ma un cavillo tecnico legale che dovrebbe apportare qualche migliore approccio. Continua a leggere

BCE alla prova della prima riunione post Brexit

La Banca centrale europea è attesa dalla prima riunione successiva all’esito del referendum del 23 giugno, che ha decretato la vittoria dei leave e la conseguente Brexit. Ebbene, alla prima riunione dopo il voto britannico, il consiglio direttivo BCE dovrebbe limitarsi a prendere atto dei maggiori rischi verso il basso per la crescita e accentuerà la retorica ultra-accomodante e la guidance sugli acquisti. Continua a leggere

migliori indicatori trading

Elezioni Regno Unito, cosa accadrà alla Brexit?

Più volte abbiamo ricordato come la Brexit sia uno degli elementi in grado di influenzare maggiormente il “destino” della sterlina nei prossimi mesi. Pertanto, giova cercare di capire che cosa potrebbe accadere alla Brexit in virtù delle ultime elezioni nel Regno Unito, dove si è votato per il rinnovo di 124 consigli comunali, tra cui quello più importante, a Londra, oltre a tre parlamenti regionali (Galles, Scozia, Irlanda del Nord). Continua a leggere

oro

Come sta andando la sterlina?

La scorsa settimana la sterlina si è indebolita, ma nei confronti del dollaro si è trattato di un calo piuttosto limitato. Di contro, come risulta più evidente dai dati statistici, più significativo è stato invece il calo contro euro, rispetto al quale la valuta britannica è scesa di più figure, rivedendo i livelli minimi che aveva abbandonato nel 2014, a causa della forza protratta della valuta unica europea.

Per quanto concerne le variabili che stanno influenzando la sterlina, nei giorni scorsi i dati e i sondaggi sulle intenzioni di voto per il referendum UE non sono stati d’aiuto, rimandando ogni analisi e aspettativa a questa settimana. In particolare, sono in corso di uscita i dati di inflazione, attesa in aumento, e successivamente è attesa la riunione della BoE, importante non tanto per i tassi (che resteranno fermi) quanto per i verbali, nei quali la BoE potrà esprimersi in merito agli effetti sull’economia dell’incertezza sull’esito del referendum. Continua a leggere