Archivio tag: forex

Trading Dollaro, cresce la fiducia dei consumatori

Negli Stati Uniti i dati pubblicati qualche giorno fa hanno visto un significativo aumento della fiducia dei consumatori, che è risultato essere particolarmente marcato nel corso del mese di dicembre. L’indice elaborato dalla Conference Board – nella sua ultima elaborazione dello scorso anno – è salito, infatti, ai massimi dall’agosto 2001 passando dai 109,4 punti di novembre a 113,7 punti e superando così il consenso di 109,0 punti, formulato dagli analisti internazionali. Continua a leggere

forex-yen

Forex Yen, il Giappone torna in deflazione

Dopo due anni (e oltre), il Giappone è tornato in deflazione. Non accadeva infatti dall’aprile 2013, ricordava il quotidiano Il Sole 24 Ore, mese in cui il neogovernatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda varò una sorprendente politica monetaria di allentamento quantitativo e qualitativo, con l’obiettivo dichiarato di una inflazione al 2% entro due anni. Continua a leggere

Tassi Fed, la svolta si complica a causa della Cina

La svalutazione dello yuan potrebbe sicuramente aiutare la crescita economica cinese, ma è avvenuta in un momento particolarmente sgradito per gli Stati Uniti e, in particolar modo, per la Federal Reserve. A conferma di quanto sopra, il fatto che negli ultimi giorni la mossa delle autorità di Pechino abbia creato non pochi malumori. Ma cosa cambia per la Fed? Continua a leggere

Forex: Grecia – UE, negoziati nel caos

È quanto meno caotica la situazione tra la Grecia e le controparti comunitarie, con gli attacchi della prima, e le risposte – non meno dure – delle seconde. A complicare il tutto, il fatto che se non vi sarà un accordo domenica sera, Atene sarà fuori dall’euro e avvierà un percorso del tutto inatteso e imprevedibile. Ma cosa sta accadendo? Continua a leggere

Cosa è lo scalping e come utilizzarlo

Ben noto a tutti i nostri lettori “speculatori”, lo scalping è una particolare tecnica di investimento finanziario che prevede l’apertura di posizioni rialziste o ribassiste al verificarsi di alcuni segnali da utilizzare immediatamente, generando posizioni che nella maggior parte dei casi devono essere chiuse nell’arco di pochi secondi o pochi minuti. Ne consegue che chi vuole fare scalping cerca di lucrare sui minimi mutamenti dei prezzi, utilizzando una notevole leva finanziaria per cercare di amplificare la propria profittabilità nella singola transazione. Continua a leggere

Come si musurano i guadagni nel forex

Una delle prime domande quando parliamo di Forex, è riguardo a come avvenga la misurazione dei guadagni e del cosiddetto Pip.

Pip quale unità principale di misura nel mercato del forex

Il Pip tradotto letteralmente è Percentage in point, ossia l’ indicatore da utilizzare per misurare i principali movimenti di una valuta rispetto ad una altra valuta presente nel mercato del Forex.

Se ad esempio il tuo obiettivo è di scambiare Euro e Dollari, dobbiamo osservare il tasso di cambio vigente in quel momento rispetto alle monete scelte.

Per un tasso di cambio euro e dollaro di un valore pari a 1,12345? Il Pip sarà la quarta cifra decimale (4) da osservare per capire l’andamento della moneta.

Un piccolo esempio per definire come identificare il Pip

In pratica se il tasso di cambio euro e dollaro passa da un precedente valore di 1,12345 a un nuovo valore di 1,12385 significa che l’ Euro presenta una quotazione al rialzo rispetto al dollaro.

Il Pip è, infatti, passato dal precedente valore di 4 ad uno nuovo di 8. E’ un valore dal contenuto molto pratico poiché permette di definire con una specifica unità di misura, i profitti o le perdite presenti riguardi al tasso di cambio delle due valute da contrattare.

O ancora di poter definire quanto è possibile guadagnare nel forex.
E’ generalmente indicato nelle informazioni sui contratti sull’operazione scelta e svolta sulla relativa piattaforma on line.

Il valore del Pip dipende dal numero e dal tipo di contratti da acquistare e vendere

Anche se in apparenza sembra di parlare di cifre enormi, bisogna considerare che nel Forex i movimenti sulle valute non siano enormi, di conseguenza il valore del Pip registrerà comunemente piccoli spostamenti, visibili ad occhio nudo. Rappresentando un’unità di misura facilmente definibile, anche dai meno esperti del settore.

Il valore inoltre del Pip, dipende dal numero e dal tipo di contratti che l’utente deciderà di acquistare o vendere e prevede, ad esempio nel caso della classica contrattazione euro dollaro di un valore per un contratto standard pari a circa 10 unità della valuta quotata. Di un valore in prima battuta difficile da capire, ma che non deve scoraggiare i meno esperti, poiché con una piccola pratica diventerà all’ ordine del giorno gestire tale unità di misura.